Sei iperteso? Forse si e non lo sai

Visualizzazioni di questo articolo 2069

Per ActiveAction, società di telemedicina, la Parola d’ordine è: Prevenzione, con particolare attenzione al cuore. Guardando i dati pubblicati dalla commissione Europea, vediamo che la principale causa di morte è legata a malattie cardiovascolari (43%), a seguire cancro (26%), malattie respiratorie (6%). La mission di ActiveAction è diffondere il concetto che: la prevenzione è una buona abitudine.

Per ActiveAction, società di telemedicina, la Parola d’ordine è: Prevenzione, con particolare attenzione al cuore. Guardando i dati pubblicati dalla commissione Europea, vediamo che la principale causa di morte è legata a malattie cardiovascolari (43%), a seguire cancro (26%), malattie respiratorie (6%). La mission di ActiveAction è diffondere il concetto che: la prevenzione è una buona abitudine.

Per questo ha iniziato a studiare dispositivi elettromedicali
e servizi che aiutino tutti i cittadini a trovare sempre più vicino a casa, esami che fanno bene al cuore. Il primo dispositivo diffuso in oltre 550 punti, tra farmacie e medici di base, in tutta Italia, è l’holter pressorio, che consente il monitoraggio della pressione nelle 24 ore per capire se si è ipertesi. In pochi mesi sono stati realizzati più di 2300 esami. L’ipertensione: L’ipertensione rappresenta uno dei fattori di rischio cardiovascolare più importanti e diffusi. E’ descritta come killer silente non da sintomi particolari, anzi a volte la pressione alta fa sentire bene, ma il cuore in realtà sta soffrendo. In Italia si stima che il 30% della popolazione tra i 18 e i 65 anni sia ipertesa o borderline; incredibile è che solo 1 paziente su 4 raggiunge il target pressorio, e meno della metà di essi è in trattamento e mantiene sotto controllo i valori pressori; negli ultimi 10 anni, dai 35 ai 60 anni, l’ipertensione è aumentata del 15%. Esiste quindi un’ampia fascia di soggetti a rischio di patologie gravi e invalidanti quali ictus, infarto miocardico, scompenso cardiaco, insufficienza renale. I professionisti sanitari, come il medico di medicina generale, il cardiologo ambulatoriale e il farmacista, esercitano un ruolo chiave nella prevenzione e nel controllo dell’ipertensione; spetta a loro, infatti, sottolineare che la verifica regolare dei valori pressori rappresenta l’arma fondamentale per annullare o ridurre il rischio di patologie cardiovascolari, a vantaggio della qualità di vita del singolo e nell’interesse della collettività. Il monitoraggio della pressione con l’holter pressorio consente di diagnosticare l’ipertensione in modo certo, e aiuta i medici a definire la terapia più corretta.

Ruolo di ActiveAction: ActiveAction pensa che si possa creare un rapporto di fiducia tra i pazienti ed operatori sanitari che si occupano della salute. Si può favorire la prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso l'uso diffuso della Telemedicina, offrendo una assistenza sanitaria sempre più veloce e personalizzata, valorizzando il ruolo dei professionisti sanitari sul territorio come medici di medicina generale e farmacisti. La vera innovazione di ACTIVEACTION, oggi, è legata soprattutto al software, studiato e sviluppato da ingegneri informatici e biomedici, che permette l’interscambio remoto di informazioni tra operatori sanitari ed il team di Cardiologi ACTIVEACTION, coordinati dal medico Cardiologo Massimo Gualerzi. Questo nuovo approccio aiuta così i pazienti a ridurre decisamente i tempi di attesa: per prenotare, fare l’esame, e ritirare il referto scegliendo la struttura con il servizio ActiveAction più vicina a casa, riconosciuta quindi anche come ambiente “friendly”. La mission di ActiveAction è oltre che commerciale, anche etica: al fine di ridurre l’incidenza delle malattie cardio vascolari portando alla luce i casi di ipertensione silente. L’idea è quella di creare le basi, con ladiffusione dei dispositivi e del servizio, per uno screening di massa della pressione attraverso la telemedicina. Oggi sono stati realizzati 2300 esami. Come funziona: Il farmacista o il medico ha l’holter pressorio ed il software activeaction installato sul pc. Il paziente indossa il dispositivo e lo restituisce al professionista al termine dell’esame. Il medico o il farmacista scarica i dati attraverso il software Activeaction, e li invia al centro refertazione ActiveAction. In massimo 24h il paziente ha il referto.

Perché fare l’holter pressorio: Molti misurano la pressione: a casa, dal medico, in farmacia.. e questa è un’ottima abitudine, ma a volte non è sufficiente. Alcuni pazienti davanti al medico per esempio si agitano, la pressione si alza (ipertensione da camice bianco), e la misurazione in quel caso non è “valida”, ma né il medico né il paziente possono esserne certi. Fare il monitoraggio della pressione nelle 24h aiuta a fare una valutazione più oggettiva dei parametri pressori, dell’ipertensione da camice bianco, resistente da terapia e della variabilità pressoria anche durante la notte ed il risveglio.

Dettagli società-soci: Activeaction è la start up di telemedicina che nasce a Parma nel 2012 dalla sinergia di noti professionisti e imprenditori parmigiani, il medico cardiologo Massimo Gualerzi, 40 anni, Emilio Attolini, 47 anni, presidente Medel Group, azienda leader nel settore elettromedicale, Mauro Del Rio, 48 anni, fondatore di Buongiorno, principale società internazionale di servizi a valore aggiunto per telefonia mobile. La visione trilaterale della start up permette in breve tempo di avere un’ottima espansione sul territorio, tanto da diventare leader nazionale nella distribuzione del servizio di telemedicina per la refertazione degli holter pressori. Si stanno studiando nuovi dispositivi che aiuteranno la prevenzione cardio vascolare: a breve il lancio del nuovo prodotto.

Potrebbero interessarti anche...