Risposta del San Camillo alle dichiarazioni denigratorie sull'operatività della struttura

Visualizzazioni di questo articolo 9089

Mentre alcuni continuano a denigrare l’attività dell’ospedale San Camillo Forlanini, l’Azienda con i suoi operatori medici, infermieristici e tecnici continua con passione e alta professionalità l’attività clinica ed assistenziale.

Nella giornata di ieri, presso il Centro Trapianti POIT dell’AO San Camillo Forlanini di Roma, sono stati eseguiti un trapianto di fegato ed un trapianto di rene rispettivamente dalle equipe del Dr. Giuseppe Maria Ettorre e del Dr. Massimo Iappelli con organi prelevati all’Ospedale Santo Spirito di Roma provenienti da una donatrice di 72 anni colpita da una emorragia cerebrale il 10/02/2012. Il coordinamento della donazione è stato effettuato sotto il controllo del Centro Regionale Trapianti diretto dal Dr. Domenico Adorno. I trapianti sono stati effettuati con successo anche grazie a tecniche di ricostruzione microvascolare necessarie per la presenza di anomalie anatomiche della vascolarizzazione del fegato della donatrice. I due riceventi, che grazie a questo gesto di grande generosità hanno riconquistato la speranza, sono due uomini di 59 e 61 anni affetti rispettivamente da cirrosi epatica con insufficienza epatica terminale seguita nella divisione diretta dal Dr. Giampiero Doffizi ed insufficienza renale cronica in dialisi da molti anni e seguita nella Struttura Complessa di Nefrologia e dialisi diretta dal Prof. Salvatore Di Giulio. Nella notte successiva la stessa equipe è stata impegnata in collaborazione con i colleghi del Centro Trapianti dell’Ospedale Cardarelli di Napoli per un altro donatore che tuttavia non ha poi mostrato i requisiti clinici di idoneità per procedere al prelievo degli organi a scopo di trapianto.

Il personale di sala operatoria ha prestato opera ininterrotta per oltre 36 ore per assicurare la riuscita delle procedure trapiantologiche. Questa mattina i due riceventi trapiantati sono in buone condizioni generali assicura il responsabile della Rianimazione Dr. Mario Antonini. Si tratta del primo trapianto di rene e del secondo trapianto di fegato eseguiti dall’inizio del 2012 presso l’Azienda.

Potrebbero interessarti anche...