Ricerca e chirurgia nuove soluzioni per il trapianto di reni

Visualizzazioni di questo articolo 2929

Con una nuova tecnica di chirurgia mini-invasiva si semplifica la donazione di un rene da vivi: l'organo viene prelevato con una piccola incisione in modo molto semplice e sicuro.

 

I primi interventi di questo tipo su adulti nel Lazio sono stati eseguiti presso il Policlinico Gemelli di Roma. La tecnica si chiama 'Hand-Assisted' e consiste nell'introduzione della mano dell'operatore attraverso una piccola incisione, di soli 6 cm. I due reni sono stati prelevati dall'equipe guidata da Jacopo Romagnoli e trapiantati dal team di Franco Citterio presso il Centro Trapianti.

La tecnica offre maggiore sicurezza rispetto alle altre tecniche disponibili e come in tutta la chirurgia mininvasiva consente un miglior risultato estetico, minore dolore, minori complicanze, ridotta degenza ospedaliera e piu' rapida ripresa del soggetto (il donatore).

L'incisione necessaria per l'estrazione dell'organo col taglio chirurgico classico e' lunga dai 15 ai 20 cm, contro i 6 di quella in laparoscopia. In questo modo donare un rene a un proprio caro diventa molto piu' facile: questa tecnica potrebbe dunque incentivare le donazioni da viventi che in Italia nell'ultimo decennio ha riguardato soltanto il 12,7% dei trapianti di rene effettuati.(ANSA).

Potrebbero interessarti anche...