Festa della Donna – Ritrovare il benessere sessuale anche dopo il cancro al seno

Visualizzazioni di questo articolo 1822

Ne parla la Dott.ssa Fiammetta Trallo, Specialista in Ginecologia e Giornalista della Salute, durante l’incontro dedicato al benessere sessuale in menopausa, spontanea e indotta, organizzato dall’associazione Tecum

Per la donna è una dura prova affrontare un tumore, in particolare quando colpisce organi legati alla sfera sessuale o riproduttiva, come nel caso dei tumori ginecologici e del tumore al seno: oggi la medicina permette non solo di guarire, ma anche di recuperare il benessere fisico e psicologico, anche attraverso il recupero del benessere sessuale.

Di questa delicata tematica tratterà la ginecologa Fiammetta Trallo, il prossimo 5 marzo a Cremona, in una conferenza dal titolo “Il benessere sessuale in menopausa, spontanea e indotta – trattamento MonnaLisa & altri rimedi non ormonali ”, organizzato dall’associazione di promozione sociale Tecum, che si occupa di supportare la lotta delle donne contro gravi patologie come il tumore al seno. (ore 10 – Sala Forum, Via Speciano 2 – ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

TECUM, fondata da Cristina Comellini alla fine del suo personale percorso oncologico, mette al centro dignità e consapevolezza della persona come bene imprescindibile per prevenire ed affrontare la malattia oncologica. Alimentazione sana e vegana, movimento fisico ed altri stili di vita salutari: meditazione, pensiero positivo e religioso possono aiutare a prevenire recidive e guarire definitivamente dal tumore al seno.

“In questo percorso – spiega la Dott.ssa Trallo - fondamentale è il contrasto dei disturbi legati alla menopausa indotta dalle terapie oncologiche: sindrome vasomotoria (vampate, sudorazioni notturne, calo del tono dell’umore) e disturbi legati all’atrofia vaginale (secchezza, bruciore e dolore ai rapporti). A questo si aggiunge il calo della libido a livello mentale ma anche fisico per la difficoltà logistica di vivere una sessualità appagante.

Rimedi naturali non estrogenici per la sindrome vasomotoria e il calo della libido e trattamenti laser CO2 per i disturbi legati all’atrofia vaginale (secchezza e difficoltà ai rapponti) migliorano il benessere sessuale in particolare nelle donne che hanno avuto tumori ormonosensibili, tra cui quelli al seno. Queste donne sono ulteriormente penalizzate dalle terapie adiuvanti antiestrogeniche che devono eseguire per i 5 anni successivi alla chemioterapia e che, azzerando la produzione degli estrogeni, contribuiscono ad innescare una sintomatologia postmenopausale più severa rispetto alle donne che vanno in menopausa spontanea”.

“Il trattamento laser MonnaLisa - continua la Dott.ssa Trallo - stimola la riattivazione dei fibrociti, che si trovano al di sotto della mucosa vaginale, in fibroblasti le cellule preposte alla produzione di fibre elastiche e collagene ripristinando le condizioni premenopausali. Attraverso questa semplice ed indolore metodica laser ambulatoriale, il tessuto vaginale recupera la normale idratazione con un miglioramento significativo della risposta sessuale ed anche dei sintomi urinari e genitali”.

In Italia la metodica laser MonnaLisa Touch è stata approvata dall’Aogoi (Associazione dei Ginecologi Italiani) così come dalla comunità scientifica internazionale: a livello mondiale sono 8 le pubblicazioni tra le più autorevoli che hanno riconosciuto efficace il trattamento, come Climacteric (rivista ufficiale della Società Mondiale di Menopausa) e Menopause (rivista ufficiale della North American Menopause Society).

 

 

Per maggior informazioni

www.monnalisatouch.it

Potrebbero interessarti anche...