E’ giunto alla undicesima edizione il Premio "Il Campione", nato da un’idea di Mario Furlan , fondatore dei City Angels

Visualizzazioni di questo articolo 4131

E’ un riconoscimento rivolto a “campioni” di solidarietà: a chi, con il proprio comportamento, si è reso protagonista di azioni solidali e ha lanciato messaggi etici importanti, migliorando il proprio ambiente lavorativo e sociale.

Undici campioni, per altrettante categorie, sono stati scelti e premiati da una giuria composta dai direttori di 15 testate giornalistiche. L’evento, organizzato per conto dei City Angels dall’Osservatorio Giornalistico Mediawatch, si è svolto nella Sala dell’Orologio di Palazzo Marino alla presenza del Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia , che ha portato il saluto e il plauso della città. È stato condotto dal presentatore Cesare Cadeo , gode dei patrocini di Comune e Provincia di Milano e della Regione Lombardia.

Presenti alla cerimonia due testimonial dei City Angels, il cantautore Alberto Fortis e il comico Gabriele Cirilli . E due personaggi recentemente al centro delle polemiche: Andrée Ruth Shammah , regista e direttore del Teatro Franco Parenti, attaccata da estremisti politici e religiosi per avere ospitato la pièce “Sul concetto di volto nel figlio di Dio”; e Silvano Lancini , già vincitore del Premio l’anno scorso, l’imprenditore di Adro (Brescia) che ha versato 10mila euro per pagare la mensa scolastica alle famiglie povere e che è stato criticato dal sindaco per il suo gesto caritatevole. “Andrèe e Silvano sono due simboli della lotta contro l’intolleranza e per la solidarietà, siamo orgogliosi di averli con noi” ha detto Mario Furlan.

In sala un comitato d’onore composto da rappresentanti delle Istituzioni milanesi e lombarde e volti noti della cultura e dello spettacolo: Bruno Rota , Presidente di Atm; Mons. Franco Buzzi , Prefetto della Biblioteca Ambrosiana; gli assessori comunali Pierfrancesco Majorino e Pierfrancesco Maran ; i consiglieri comunali Giulio Gallera , Marco Osnato e Rosario Pantaleo ; gli assessori provinciali Stefano Bolognini e Roberto Cassago ; il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dapei ; il consigliere regionale Enrico Marcora ; i segretari cittadino e metropolitano del Pd, Francesco Laforgia e Roberto Cornelli ; l’attore Marco Columbro ; il cantautore Davide De Marinis ; la grafologa Candida Livatino ; il regista Fabio Bastianello ; la madrina dei City Angels Daniela Javarone e il loro presidente onorario Giancarlo Giavardi .

VINCITORI XI EDIZIONE PREMIO IL CAMPIONE - Campione per lo Sport: Valentina Arrighetti , pallavolista della Volley Bergamo e della Nazionale italiana. Nel 2010- 2011 ha vinto la Coppa Italia ; nel 2011 ha vinto la Coppa del Mondo. Una grande atleta, ma anche una persona attenta ai più deboli: si è fatta promotrice di una partita per raccogliere fondi per gli alluvionati di Genova; - Campione per il Reinserimento sociale: Antonella Baldo Capilvenere , fondatrice con Don Mazzi dell'associazione culturale "Oltre l'immagine", che lavora nelle carceri e si occupa del reinserimento sociale dei detenuti attraverso la preparazione e la messa in scena di musical.

Inoltre ha fondato la cooperativa sociale L'immagine, che completa l'attività con il reinserimento lavorativo dei detenuti. La Capilvenere si occupa di una compagnia teatrale formata da 40 detenuti del carcere Bassone di Como e ha avviato tre corsi teatrali a San Vittore; - Campione per i Diritti: Franco Bomprezzi , giornalista e scrittore milanese affetto da osteogenesi, malattia che lo costringe in sedia a rotelle. E' portavoce della Ledha (Lega per i diritto degli handicappati). Nominato Cavaliere della Repubblica dal Presidente Napolitano, si occupa di diritti dei disabili nella giunta Pisapia; - Campione per la Scienza : Ilaria Capua , la ricercatrice italiana pioniera della scienza "open source", aperta a tutti. Nel 2000 ha sviluppato il vaccino per l'influenza aviaria e permise il controllo dell'epidemia. Nel 2006 ha deciso di sfidare il sistema e di depositare la sequenza genetica del primo ceppo africano di influenza H5N1 in GenBank (un database 'open access') e non in un database ad accesso limitato. Così facendo ha dato inizio ad un dibattito internazionale sulla trasparenza dei dati. Grazie a lei, oggi l'Oms, la Fao e l'Oie hanno accettato meccanismi di condivisione dei dati più efficienti. Nel 2008 è stata inclusa fra le cinque "revolutionary minds" dell'anno dalla rivista americana Seed; - Campione per l'Accoglienza: CasAmica Onlus , CasAmica aiuta ogni giorno i malati in terapia e i loro famigliari ad affrontare le difficoltà economiche ed emotive che un lungo soggiorno lontano da casa può comportare.

Offre agli ospiti la sicurezza di un alloggio e il calore di una nuova famiglia, il conforto di un abbraccio e di un sorriso che diano speranza per andare avanti. - Campione per la Memoria : Nedo Fiano , nato a Firenze nel 1925 e residente a Milano, è sopravvissuto alla deportazione nel campo di concentramento di Auschwitz, e uno dei più attivi testimoni contemporanei dell'esperienza dell'Olocausto nazista; - Campione per l'Integrazione: Djana Pavlovic , attrice serba di etnia rom, naturalizzata italiana. Promuove la cultura e la letteratura rom. Svolge anche il ruolo di mediatrice sociale nelle scuole per favorire l'integrazione dei piccoli nomadi; - Campione per il Volontariato: Giuseppe Pilo di Roma , Ex funzionario della Banca d'Italia, da quando è in pensione si è completamente dedicato al volontariato, dando vita all'associazione non-profit Sanes, che dà assistenza ai bambini malati di leucemia dell'ospedale San Camillo di Roma.

Oltre ad aiutare i piccoli malati ha ristrutturato un'ala inutilizzata dell'ospedale per ospitare i genitori dei bambini che vengono da altre parti d'Italia e si devono trattenere a lungo nella Capitale; - Campione per lo Spettacolo: Edoardo Stoppa , il fratello degli animali di "Striscia la Notizia ”, programma televisivo che da oltre 24 anni fa satira e inchiesta, denunciando sprechi di denaro pubblico, raggiri e illegalità ai danni dei cittadini.

Il Tg satirico, da sempre attento alle problematiche legate all’ambiente, tramite Stoppa in questi ultimi anni ha potuto combattere e vincere diverse battaglie per i diritti degli animali. Tra cui - è notizia di questi giorni - la chiusura di Green Hill, allevamento di beagle destinati alla vivisezione sito nei pressi di Brescia; - Campione per l'Educazione: Ottavio Tazzi , allenatore di pugilato, oggi 84enne.

Uno dei più grandi allenatori di sempre. Ha strappato centinaia di ragazzi dalla strada per insegnare loro la boxe ed educarli ai suoi valori: disciplina, sacrificio, rispetto dell'avversario.

Tra i pugili che ha guidato sul ring ci sono 7 campioni del mondo, tra cui Rocky Mattioli e Giacobbe Fragomeni. I pugili lo chiamano, affettuosamente, "il Nonno"; - Campione per l'Impegno civile: Sandro Usai , l'eroe di Monterosso, morto il 25 ottobre durante l'alluvione per soccorrere cittadini in difficoltà. 37enne volontario della Protezione civile, di origine sarda, ha lasciato moglie e due bambini. Sarà presente la moglie . IL CAMPIONCINO Nell’ambito de Il Campione tutti gli anni viene assegnato il premio Il Campioncino, un riconoscimento attribuito a studenti o classi che si sono distinte per il loro impegno solidaristico che può consistere nell'aiutare un compagno di classe in difficoltà, nel fare volontariato, nel sostenere la propria famiglia. I Campioncini di quest’anno sono: - Avy Cassuto , 12 anni, è "il bambino che porge l'altra guancia".

E' una storia da libro Cuore. Studente della scuola Media ebraica di Milano, Avy ha colpito tutti per il suo comportamento quando un suo compagno gli ha scagliato in faccia una pietra, spaccandogli un dente e il labbro. Lui, invece di arrabbiarsi, ha rassicurato il suo compagno, preoccupato per le conseguenze, dicendogli che stava bene e che non l'avrebbe fatto sgridare dagli insegnanti. Avy inoltre segue i compagni che hanno difficoltà a studiare e svolge inoltre attività di volontariato, con alcuni suoi compagni, presso una casa di riposo per gli anziani; - La classe Terza Media della scuola Monforte Faes , nel corso dell'anno scolastico iniziato lo scorso settembre le sue 14 studentesse hanno fatto più volte visite alla Mensa dei Poveri di via Ponzio; hanno raccolto fondi per la Mensa ; hanno fatto la spesa per portare cibo alla stessa; hanno raccolto ogni mese fondi per adozioni a distanza; e hanno più volte visitato gli anziani della casa di riposo "Il nuovo focolare", intrattenendo gli ospiti con conversazioni, canti, recita di poesie, organizzazioni di giochi e assistenza. Il Premio consiste in una statuina di vetro che rappresenta un uomo con un grande cuore. La statuina è stata realizzata da una cooperativa sociale che dà lavoro a svantaggiati.

“Questo premio è rivolto a veri campioni di solidarietà, persone spesso sconosciute: il Premio può dare loro la visibilità necessaria per proseguire con maggiore sostegno nella loro opera - spiega Mario Furlan, presidente e fondatore dei City Angels.” “In tutte queste edizioni – spiega CarloVittorio Giovannelli, presidente dell’Osservatorio Giornalistico Mediawatch – abbiamo premiato persone impegnate nei più disparati campi lavorativi, accomunate dalla voglia di fare del bene.”

I CITY ANGELS La storia dell’Associazione comincia nel 1994, quando Mario Furlan (nome da strada: Stone) la fonda a Milano. Nella zona più problematica della città: la Stazione Centrale. Lo scopo: assistere gli emarginati e tutelare i cittadini vittime della delinquenza. Il primo luogo di ritrovo per le riunioni è nella Chiesa del Carmine, a Brera.

L’inaugurazione ufficiale dell’Associazione, dopo mesi di attività semiclandestina, avviene l’8 febbraio 1995 nella Chiesa del Carmine. Dopo la diffidenza iniziale da parte delle autorità arriva il riconoscimento delle Istituzioni, l’iscrizione all’albo delle Onlus e, nel 1999, la massima onorificenza milanese: l’Ambrogino d’Oro, che viene attribuito all'Associazione per la seconda volta nel 2008. Il 9 dicembre 2009 i City Angels vengono ricevuti al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che li definisce “parte dell’Italia migliore”.

Negli anni nascono nuove sedi degli Angels. Oggi sono 20 in tutta Italia e una a Tuzla, in Bosnia-Erzegovina. Tutte unite dallo stesso spirito umanitario. Nel 2001 a Milano nasce il premio Il Campione: un riconoscimento degli Angels ai veri campioni, personaggi famosi e non che rappresentano un esempio positivo per l’opinione pubblica. Nella giuria del Premio ci sono i direttori di alcuni dei principali quotidiani italiani.

Potrebbero interessarti anche...