Corso ECM Celiachia: "La celiachia nel paziente con un regime nutrizionale vegetariano"

Visualizzazioni di questo articolo 1546

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, proteina contenuta in frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. I soggetti geneticamente predisposti, in seguito all’introduzione di alimenti contenenti glutine hanno una risposta immunitaria abnorme a livello dell’intestino tenue, che ne determina un’infiammazione cronica, con appiattimento dei villi intestinali e conseguente malassorbimento.




Negli ultimi anni risulta in netta espansione nella popolazione di tutte le età: agli inizi degli anni ’90, in Italia, c’era 1 celiaco ogni 1.000 persone, attualmente sappiamo che i celiaci diagnosticati sono 165mila, ma sappiamo anche che il numero di celiaci in Italia in realtà è di 500mila, quindi ci sono ancora molti celiaci non diagnosticati. E il dato cresce ogni anno del 19%.

I sintomi sono molto vari. Si va da quelli prettamente gastrointestinali, come diarrea, mal assorbimento, anemia, gonfiore e dolori addominali, a tutto quello che riguarda la patologia autoimmune, come tiroidite, diabete, stanchezza cronica, artrite reumatoide, affaticamento precoce. Inoltre, esistono delle categorie a rischio: chi ha familiari di primo grado affetti dalla malattia, pazienti con patologie autoimmuni e pazienti con patologie cromosomiche, come la sindrome di Down, nei quali l’incidenza della celiachia da 1 a 100 diventa di 10 a 100. In questi casi la celiachia va cercata. È importante farlo perché se non curata, la celiachia prima o poi si paleserà e le possibilità di ammalarsi aumenteranno.

Per i celiaci la dieta equilibrata è costituita per il 55% da carboidrati, per il 30% da grassi e per il 15% da proteine, cambia però la tipologia dei carboidrati: qualsiasi prodotto alimentare preparato con cereali contenenti glutine non è idoneo (farina, amido, semolino, pasta fresca o secca, con o senza ripieno, pane, grissini, crackers, fette biscottate, pan carrè, focacce, pizza, biscotti, torte…). Fortunatamente, diversi cereali e vegetali sono naturalmente privi di glutine e si possono usare liberamente: riso, miglio, mais, sorgo, tapioca, amaranto, patate, fecola di patate, fagioli, piselli, soia, lenticchie, ceci, farina di ceci, farina di castagne, quinoa, sesamo (un dubbio permane su avena e grano saraceno, privi di glutine in origine, spesso contaminati durante la lavorazione).

Per un celiaco scegliere una dieta vegetariana o vegan non è semplice ma nemmeno impossibile; è vero che il celiaco vegano dovrà rinunciare ad alcuni degli alimenti della dieta vegana (per esempio il seitan) che sono fatti di glutine. Dovrà fare inoltre attenzione a quelli che possono essere i problemi legati alle vitamine, come la B12, e allo zinco, ma oggi sappiamo che è possibile farlo con una dieta ben equilibrata.

La dieta vegetariana può essere benefica anche per il celiaco, anzi spesso chi è vegetariano/vegano spesso già conosce e usa in cucina cereali privi di glutine come il miglio e la quinoa in molti casi sconosciuti agli onnivori: l'esclusione della carne, oltre che dei cereali, può portare alla scoperta di una enorme varietà di altri alimenti, sia quelli naturalmente privi di glutine, sia quelli in cui il glutine è stato sostituito. Conoscere esattamente gli alimenti che un celiaco può consumare o meno diventa fondamentale. Esistono diversi cibi che contengono glutine anche se all'apparenza ne sono privi: formaggi spalmabili, hamburger, salsa di soia, ketchup, patatine e altri ancora. Per contro, molti altri prodotti alimentari che parrebbero contenere glutine in realtà ne sono privi: glutammato, coloranti, destrosio, maltodestrine, superalcolici.

E’ un corso dal titolo LA CELIACHIA NEL PAZIENTE CON UN REGIME NUTRIZIONALE VEGETARIANO che ho organizzato insieme a Kishar Training School e al portale Celiachia.org
Il corso è aperto a tutti, ed è anche accreditato ECM per tutte le figure sanitarie, ma ci rivolgiamo in particolar modo a  Farmacisti, Medici e Biologi Nutrizionisti. Scarica la brochure

LE DATE SONO:

Udine – 16 Aprile 

Roma – 23 Aprile

Milano – 7 Maggio

Bologna – 14 Maggio

Torino – 20 Maggio

Bari – 28 Maggio

La particolarità del corso è l’unione della parte scientifica tenuta dalla Dr.ssa Lorenza Jannuzzo e di quella pratica con uno showcooking interattivo tenuta dallo chef Marcello Ferrarini, famoso per il programma “Senza Glutine con Gusto” in onda sul canale Gambero Rosso.

Fonti: Ambientebio.it – Vegolosi.it

Potrebbero interessarti anche...