Novità in medicina estetica: arriva la "penna" che cancella le rughe

Visualizzazioni di questo articolo 7170

Sotto questo profilo, Dermapen rappresenta un passo in avanti. «Con il Needling, lo strumento utilizzato è una specie di rullo. La nuova tecnica invece si affida ad una sorta di "penna" che ha sulla punta una serie di sottilissimi aghi», spiega il medico.

Ringiovanisce la pelle e combatte anche le smagliature grazie a sottilissimi aghi. «Dermapen stimola naturalmente la produzione di collagene», spiega la dottoressa Gilardino.

Cancellare le piccole rughe, attenuare le imperfezioni della pelle e persino contrastare le smagliature. Si propone come la novità del 2013 il Dermapen, tecnica innovativa di medicina estetica capace di stimolare collagene, quindi di ringiovanire viso e corpo, che si basa sull'uso di una particolare penna capace di fare delle microiniezioni. «È una tecnica che va oltre il già conosciuto Needling», spiega Patrizia Gilardino, chirurgo plastico-estetico di Milano, socio Aicpe e Sicpre. «Il principio di azione è lo stesso: si va a stimolare la cute con una serie di piccolissime iniezioni. Rispetto al Needling però, il Dermapen è più versatile e permette di arrivare ad una profondità maggiore, stimolando una rigenerazione profonda dei tessuti, con risultati significativi anche in casi rughe accentuate e smagliature. Inoltre, permette di intervenire in zone difficili da raggiungere anche con il laser, come per esempio l'area del collo, ma anche di operare in zone delicate come il contorno occhi, le labbra e il naso».

La medicina estetica si semplifica per rispondere alle nuove esigenze dei pazienti. «Parliamo di rapidità di intervento, nessun effetto collaterale e ridotto impatto del trattamento», precisa Gilardino. «Solitamente le donne tra i 40 ed i 55 anni richiedono interventi per attenuare le rughe e rendere la pelle -in particolare quella del volto- più compatta. Vengono prediletti trattamenti veloci, non invasivi, che hanno anche un impegno economico decisamente inferiore ad un intervento chirurgico come può essere il lifting o la blefaroplastica. Esiste anche un certo timore nei confronti dei macchinari utilizzati: per esempio, molte pazienti solo all'idea di doversi sottoporre ad una iniezione -come nel caso dell'uso di filler-, restano titubanti e optano per soluzioni meno dirette e ritenute meno invasive».

Sotto questo profilo, Dermapen rappresenta un passo in avanti. «Con il Needling, lo strumento utilizzato è una specie di rullo. La nuova tecnica invece si affida ad una sorta di "penna" che ha sulla punta una serie di sottilissimi aghi», spiega il medico. «Attraverso delle microperforazioni verticali si stimola la produzione naturale di collagene ed elastina e, di conseguenza aumenta lo spessore della cute, riempiendo rughe, cicatrici atrofiche o piccole imperfezioni. Il Dermapen permette anche di variare la profondità del trattamento andando a operare anche nelle situazioni più difficili e ad attenuare le smagliature. Il trattamento può prevedere anche l'impiego di alcune creme nella fase di preparazione per stimolare la pelle e nel post per attenuare il minimo rossore provocato dal passaggio dei microaghi».

Il costo di una seduta parte da circa 80 euro. Per avere dei risultati significativi, sono richieste almeno 4-5 sedute.

Patrizia Gilardino - profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell'Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all'Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all'Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo e nel proprio studio di via Colonna, a Milano. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) ed è iscritta all'Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe)

Potrebbero interessarti anche...