Medicina estetica "fai da te" molto pericolosa, come si afferma...

Visualizzazioni di questo articolo 4492

Dai filler per viso e labbra fino alle terapie per ridurre il grasso e aumentare il seno, i trattamenti reperibili online da effettuare su se stessi senza l’ausilio di un medico sono tantissimi, e si posizionano tra le pieghe della Babele di Internet, così difficile da controllare, regolamentare e limitare.

Annunci tentatori che offrono trattamenti estetici non invasivi fai da te stanno inondando il web e attirano un numero crescente di adepti.

Ma, secondo i più importanti esperti e luminari nel campo della medicina estetica a livello internazionale riuniti oggi a Milano in occasione del 14° Congresso Internazionale di Medicina Estetica Agorà-Amiest, dietro al ritocchino “fatto in casa” a prezzo stracciato, si nasconde più di un’insidia. In programma fino al 20 ottobre presso il Centro Congressi Marriott di Milano, all’evento di riferimento per gli esperti del settore viene lanciato l’allarme sulla preoccupante diffusione di trattamenti low cost a domicilio acquistati tramite Internet. Come riportato dal popolarissimo network americano Fox News sono stanno “aumentando rapidamente i filler autosomministrabili e acquistabili a buon mercato online. I trattamenti volumizzanti, tra i quali quelli muscolari come il Botox e il Dysport sono fra i più popolari, con rischi non sono solo estetici, ma anche per la salute visti i possibili casi di shock anafilattico”

Dai filler per viso e labbra fino alle terapie per ridurre il grasso e aumentare il seno, i trattamenti reperibili online da effettuare su se stessi senza l’ausilio di un medico sono tantissimi, e si posizionano tra le pieghe della Babele di Internet, così difficile da controllare, regolamentare e limitare. Ecco spiegati, quindi, gli esponenziali tassi di crescita di un fenomeno che, cavalcando le facili attrattive di un prezzo contenuto abbinato ad una grande praticità di utilizzo, sta conoscendo, come testimoniato dall’esperienza dei medici di Agorà-Amiest, un vero e proprio boom dalle conseguenze disastrose che, spesso, costringono ad un intervento correttivo “a posteriori”da parte del medico.

Dal caso più clamoroso che aveva fatto il giro del mondo, della piccola Britney Campbell, la bimba di 8 anni letteralmente sfigurata dalle dosi di botox che la madre comprava on line e le iniettava in casa al popolare “metodo-Juchheim”, un sistema inventato dall’omonimo medico tedesco per farsi i trattamenti direttamente nella propria abitazione e che ha già conquistato oltre 6000 clienti  sono moltissimi gli episodi di medicina estetica auto-somministrata. Le conseguenze? “Infiammazioni, infezioni, paralisi, vesciche, asimmetrie e, nei casi più gravi, lo shock anafilattico”, come racconta in modo più diffuso il tabloid britannico The Daily Mirror

“I trattamenti estetici ‘home-made’, realizzati cioè lontano da strutture specializzate e da mani inesperte, hanno un’altissima percentuale di rischio” – spiega Alberto Massirone, presidente di Agorà-Amiest, che precisa – “Non solo si rischia di iniettare il contenuto della fiala nel punto sbagliato, ma, in generale, il business ‘parallelo’ ha meno garanzie di sicurezza e qualità dei prodotti, che di rado sono certificati e controllati. Capita addirittura che i medici non riescano neanche ad individuare immediatamente il tipo di sostanza che stanno cercando di rimuovere”.

 

Un boom che preoccupa ma non sorprende considerato che, in effetti, il popolo italiano è uno dei più interessati dalla “botulinofilia”, una sorta di dipendenza psicologica dall’omonima tossina ringiovanente. I dati elaborati dal Collegio di Medicina Estetica, che saranno oggi commentati durante il 14° Congresso Agorà-Amiest, lo confermano: le richieste di trattamento a base di tossina botulinica sono aumentante in modo esponenziale nell’ultimo decennio, passando dalla quarta alla seconda posizione nella classifica degli interventi più desiderati.

 

“La tossina botulinica sta vivendo un vero e proprio periodo d’oro, e negli ultimi dieci anni è stata una delle migliori risorse al servizio della medicina estetica, sempre più richiesta anche per trattamenti a scopo terapeutico”, spiega ancora il presidente di Agorà-Amiest Alberto Massirone. E, oltre il botulino, quali le novità? “Il ridimensionamento volumetrico delle labbra, molto in voga nel 2000, è stato sostituito dal ridimensionamento del loro profilo, mentre tiene il filler riassorbibile a base di acido ialuronico. “La vera novità – conclude il dottore Massirone sono i gettonatissimi trattamenti di bio rivitalizzazione cutanea, anche in forma preventiva, realizzati con le tecnologie più innovative. Scompaiono dalla top 5 elettrolipolisi e riduzione della cellulite, che lasciano spazio al Laser CO2 Frazionato .”

 

Ma durante il Congresso vengono presentate in anteprima mondiale anche le nuove tendenze mondiali relative ai trattamenti di medicina estetica (filler, tossina botulinica, trattamenti anti-cellulite, laser per ringiovanimento e laser per la rimozione dei tatuaggi) maggiormente richiesti da uomini e donne di tutto il pianeta.

Secondo le stime degli esperti divise per aree geografiche Oriente, Medio Oriente e P.A. sono le nazioni che fanno un maggiore ricorso al filler, rispettivamente 38% e 35%, in Oriente tra l’altro questa pratica è richiesta addirittura dal 35% degli uomini, seguite dalle popolazioni latine dell’America del Sud (32%) e dell’Europa Mediterranea (30%). La tossina botulinica è invece più utilizzati nei paesi settentrionali, dall’Europa del Nord (26%) all’America del Nord (25%). Si confermano mediamente richiesti ovunque i trattamenti anticellulite effettuati da un pubblico esclusivamente femminile (Oriente 30%, Medio Oriente d PA 27%, Europa Mediterranea 25%, America del Sud 24% e America del Nord 23%). In forte ascesa anche il laser resurfacing soprattutto in Europa del Nord (20%) e America del Nord (18%), mentre la rimozione di tatuaggi coinvolge in misura minore i paesi orientali (5%), il Medio Oriente e la P.A. (2%).

 

CLASSIFICA DEI TRATTAMENTI PIU’ RICHIESTI IN MEDICINA ESTETICA ANNO 2000

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

1

Ridimensionamento volumetrico delle labbra

2

Trattamenti per la riduzione della cellulite

3

Dermal Filler volumetrici riassorbibili

4

Tossina Botulinica

5

Elettrolipolisi

 

 

 

CLASSIFICA DEI TRATTAMENTI PIU’ RICHIESTI IN MEDICINA ESTETICA ANNO 2012

 

GRAFICI/TABELLE CON INTERVENTI PER AREA GEOGRAFICA

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

1

Ridimensionamento del profilo delle labbra

2

Tossina Botulinica

3

Rivitalizzazione Cutanea (anche preventiva)

4

Filler riassorbibili a base di acido ialuronico

5

Laser CO2 Frazionato

 

 

RICHIESTE TRATTAMENTI MEDICINA ESTETICA EUROPA MEDITERRANEA

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

PERCENTUALE

1

Filler

30%

2

Trattamenti Anti-Cellulite

25%

3

Tossina botulinica

24%

4

Laser resurfacing

14%

5

Rimozione tatuaggi

7%

 

RICHIESTE TRATTAMENTI MEDICINA ESTETICA EUROPA DEL NORD

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

PERCENTUALE

1

Tossina botulinica

26%

2

Filler

24%

3

Laser resurfacing

20%

4

Trattamenti Anti-Cellulite

18%

5

Rimozione tatuaggi

12%

 

RICHIESTE TRATTAMENTI MEDICINA ESTETICA AMERICA DEL NORD

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

PERCENTUALE

1

Filler

28%

2

Tossina botulinica

25%

3

Trattamenti Anti-Cellulite

23%

4

Laser resurfacing

18%

5

Rimozione tatuaggi

6%

 

RICHIESTE TRATTAMENTI MEDICINA ESTETICA AMERICA DEL SUD

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

PERCENTUALE

1

Filler

32%

2

Tossina botulinica

26%

3

Trattamenti Anti-Cellulite

24%

4

Rimozione tatuaggi

10%

5

Laser resurfacing

8%

 

RICHIESTE TRATTAMENTI MEDICINA ESTETICA MEDIO ORIENTE E P.A.

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

PERCENTUALE

1

Filler

35%

2

Tossina botulinica

30%

3

Trattamenti Anti-Cellulite

17%

4

Laser resurfacing

6%

5

Rimozione tatuaggi

2%

 

RICHIESTE TRATTAMENTI MEDICINA ESTETICA ORIENTE

 

POSIZIONAMENTO

TRATTAMENTO

PERCENTUALE

1

Filler

38%

2

Trattamenti Anti-Cellulite

30%

3

Tossina botulinica

20%

4

Laser resurfacing

7%

5

Rimozione tatuaggi

5%

 

 

Potrebbero interessarti anche...