Medicina estetica, botulino ancora re dei trattamenti negli Stati Uniti

Visualizzazioni di questo articolo 1796

L'efficacia del botulino si dimostra soprattutto nell'attenuazione delle rughe perioculari, le cosiddette zampe di gallina, per le quali ha recentemente ottenuto il via libera dall'Agenzia del Farmaco italiana e per le rughe della glabella...

Nel 2013 oltreoceano crescita del 15,6 per cento. «Una conferma dell'efficacia e della sicurezza della tossina botulinica», commenta l'Associazione italiana Terapia Estetica Botulino - AITEB.
 
Anche per il 2013 la tossina botulinica si conferma il primo trattamento di medicina estetica praticato negli Stati Uniti. I nuovi dati dell'American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS) registrano un incremento pari al 15,6% rispetto all'anno precedente con oltre 3 milioni e 700mila trattamenti. «È la conferma non solamente dell'efficacia della tossina botulinica a fini estetici, ma anche della sua sicurezza», commenta il presidente dell'Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino - AITEB, Massimo Signorini.

Il botulino è il trattamento più praticato in medicina estetica negli Usa dal 2000. Secondo i dati ASAPS è il trattamento estetico sia più praticato sia nelle donne (89,8%) sia negli uomini (10,2%), vi ricorrono prevalentemente persone dai 35 ai 50 anni (46,6%) e nella fascia di età dai 51 ai 65 (30,8%), mentre viene praticato meno al di sotto dei 35 anni (14%). 

Prosegue Signorini: «L'efficacia del botulino si dimostra soprattutto nell'attenuazione delle rughe perioculari, le cosiddette zampe di gallina, per le quali ha recentemente ottenuto il via libera dall'Agenzia del Farmaco italiana e per le rughe della glabella. Il successo di questo farmaco in medicina estetica per un così lungo tempo è testimone anche della sua comprovata sicurezza. Resta sempre la raccomandazione di affidarsi a medici esperti».
Le statistiche ASAPS posizionano tra i trattamenti di medicina estetica al secondo posto l'acido ialuronico, terza l'epilazione. In Italia, i dati del 2012 delineano una situazione invertita: i trattamenti con acido ialuronico precedono l'uso della tossina botulinica. Conclude il presidente di Aiteb: «In Italia ci sono molti pregiudizi ingiustificati verso il botulino che, invece, è una sostanza capace di dare risultati sicuri e naturali. Questi dati ne sono un'ulteriore conferma».

Potrebbero interessarti anche...

×