Iperidrosi, la sudorazione eccessiva si risolve con trattamenti innovativi

Visualizzazioni di questo articolo 10566

Subito dopo il trattamento è possibile riprendere le normali attività. BENEFICI Rapidità: per l’area ascellare e palmare, ogni trattamento dura circa 5 minuti per lato, con miglioramento immediato spesso dopo solo il primo trattamento. Assenza di Dolore: la procedura viene eseguita spostando continuaTest con Iodio su pz. femmina, prima e dopo 1 trattamento mente il manipolo sulla zona da trattare. Un sistema di raffreddamento integrato raffredda la superficie della pelle e rendendo la terapia piacevole.

La sudorazione è un fenomeno fisiologico del nostro corpo atto a mantenere la temperatura corporea a un livello stabile. Nel corpo umano, questo meccanismo è regolato dal sistema nervoso autonomo e più precisamente il sistema simpatico. Si parla di iperidrosi quando la regolamentazione di questo meccanismo è alterata e si ha una sudorazione eccessiva in alcune parti del corpo. L’iperidrosi essenziale, senza cause specifiche, inizia in età giovanile e si manifesta più frequentemente nella zona palmare e in quella ascellare. Questo tipo di disturbo spesso presenta caratteristiche di familiarità e può essere di grado così importante e severo da risultare talora invalidante, determinando difficoltà e disagio nei rapporti interpersonali. Si parla invece di iperidrosi secondaria quando l’iperidrosi si associa a sintomi di una patologia nota quale ipertiroidismo o alterazioni del sistema endrocino, terapie ormonali per neoplasia (tumore alla prostata), malattie psichiatriche, obesità, menopausa.

I SINTOMI DELL’IPERIDROSI L’iperidrosi si manifesta principalmente, come detto, a livello delle mani e delle ascelle. La sudorazione patologica delle mani è generalmente la condizione più fastidiosa tra tutte le forme di iperidrosi: le mani sono più esposte più di ogni parte del corpo e svolgono un ruolo importante nelle attività professionali, nei rapporti interpersonali e nella vita sociale. Il grado del disturbo della sudorazione può variare da una semplice umidità del palmo della mano fino a un vero e proprio gocciolare. L’ansia rappresenta un fattore scatenante e ciò contribuisce all’imbarazzo sociale. Alcuni soggetti arrivano a evitare qualunque contatto sociale. L’iperidrosi ascellare causa imbarazzo sociale a causa delle grosse aree di sudore in corrispondenza delle ascelle e dorso delle magliette o camicie, facendo apparire il paziente di aspetto poco curato. BROMIDROSI La bromidrosi è una condizione cronica in cui il disturbo è il “cattivo odore del corpo”. La secrezione eccessiva dalle ghiandole eccrine o apocrine e una proliferazione delle colonie batteririche autoctone che vivono sulla nostra pelle producono sostanze chimiche “volatili”, causa del cattivo odore del sudore. Fattori come un’igiene non adeguata, particolari dermatologiche insieme a un’eccessiva crescita della flora batterica cutanea, possono contribuire all’insorgenza del disturbo.

LE SOLUZIONI Diversi sono i trattamenti medici per l’iperidrosi che lo specialista può suggerire al paziente, in base al grado della sua malattia: terapia con antitraspiranti, ionoforesi, terapia con tossina botulinica o intervento chirurgico. Questi trattamenti non hanno effetti definitivi e necessitano di essere ripetuti a brevi intervalli di tempo. erapia con antitraspiranti: è stata per anni la terapia di prima scelta per l’iperidrosi, basata su farmaci “antitraspiranti” a base di cloruro di alluminio, glutaraldeide o tannina. Ionoforesi: si tratta di una tecnica che consiste nell’applicare una corrente continua di bassa intensità. I flussi ionici indotti determinano un blocco temporaneo delle ghiandole sudoripare. Il trattamento deve essere ripetuto ogni 15-20 giorni. Terapia con tossina botulinica: la tossina botulinica determina il blocco delle terminazioni nervose che attivano le ghiandole sudoripare. Il trattamento dell’iperidrosi con tossina botulinica non ha effetti permanenti e la sua durata è di circa 4-6 mesi. Intervento Chirurgico: esistono varie tecniche che prevedono l’utilizzo di alcune “clips” per interrompere la conduzione del nervo simpatico toracico o l’esecuzione di una gangliectomia mirata in base alle sede dell’iperidrosi. Il trattamento chirurgico prevede alcune controindicazioni, a volte non è definitivo e può causare effetti collaterali.

LA SOLUZIONE NON INVASIVA CON RADIOFREQUENZA TRANSCUTANEA (ALMA LASERS) Alma Lasers propone un nuovo protocollo per il trattamento non-invasivo dell’iperidrosi. Tutto questo è possibile grazie all’efficacia e alla potenza della Radiofrequenza Alma Lasers (40.68 MHz). La combinazione della tecnologia Radiofrequenza Unipolare e Bipolare con controllo della profondità nel derma, vi permetterà di risolvere il problema legato all’iperidrosi, ma anche l’osmoidrosi. Alma Lasers offre un trattamento sicuro, efficace, senza alcun effetto collaterale e soprattutto senza l’utilizzo di nessuna tossina. È clinicamente dimostrato essere una soluzione senza l’uso di farmaci, tossine o incisioni chirurgiche. Funziona fornendo energia termica controllata proprio nell’area di trattamento, disattivando selettivamente le ghiandole sudoripare. Il trattamento è rapido e il miglioramento è visto spesso dopo solo un trattamento, anche se sono raccomandati almeno 4 trattamenti per ottenere risultati ottimali.

LA TECNOLOGIA Il riscaldamento dielettrico provocato dalla Radiofrequenza, disattiva selettivamente le ghiandole eccrine e apocrine, evitando la secrezione del sudore ed eliminando il cattivo odore. Questo meccanismo di riscaldamento, grazie alla Radiofrequenza Alma Lasers con frequenza di 40.68 MHz, induce una rotazione molto rapida delle molecole d’acqua (circa 40 milioni di volte al secondo), generando un incremento specifico di temperatura. Poiché le ghiandole che causano l’iperidrosi e l’osmoidrosi sono le ghiandole Eccrine e Apocrine che si trovano in profondità diverse (esattamente 2-6 mm le ghiandole eccrine e 6-8mm le ghiandole apocrine), tale tecnologia è dotata di un sistema di Controllo Profondità che permette di direzionare la Radiofrequenza solo nelle zone di interesse. Poiché il sudore è costituito al 99% di acqua e le ghiandole sono sature di acqua, il calore prodotto raggiungerà selettivamente le ghiandole lasciando intatto il tessuto circostante.

IL TRATTAMENTO Durante la procedura, il medico utilizza un manipolo unipolare e bipolare per raggiungere entrambe le ghiandole, con termometro integrato per monitorare la temperatura durante l’intera seduta. Il calore è applicato gradualmente con movimenti circolari. Non ci sono controindicazioni e nessun effetto collaterale. Subito dopo il trattamento è possibile riprendere le normali attività. BENEFICI Rapidità: per l’area ascellare e palmare, ogni trattamento dura circa 5 minuti per lato, con miglioramento immediato spesso dopo solo il primo trattamento. Assenza di Dolore: la procedura viene eseguita spostando continuaTest con Iodio su pz. femmina, prima e dopo 1 trattamento mente il manipolo sulla zona da trattare. Un sistema di raffreddamento integrato raffredda la superficie della pelle e rendendo la terapia piacevole. Non ci sono effetti collaterali: la RF disattiva selettivamente le strutture ghiandolari sudoripare senza alterare la sensibilità cutanea. Il paziente torna alle normali attività immediatamente dopo il trattamento.

LO STUDIO E RISULTATI PRESSO IL CENTRO SKIN LASER CLINIC MARINI-D’ANGELO Sono stati trattati presso la nostra struttura a San Benedetto del Tronto (AP) da gennaio 2013, 28 pazienti così distribuiti: 11 pazienti con iperidrosi ascellare di tipo HDSS 2; 8 pazienti con iperidrosi ascellare di tipo HDSS 3; 9 pazienti con iperidrosi palmare. In 13 pazienti affetti da iperidrosi ascellare sono state eseguite 4 sedute con frequenza settimanale, mentre negli altri 6 pazienti sono state eseguite 5 sedute sempre a cadenza settimanale. Nei 9 pazienti affetti da iperidrosi palmare, sono state effettuate 4 sedute eseguite a cadenza settimanale. Tutti i 28 pazienti seguiti per lo studio hanno risolto il problema dell’iperidrosi e sono stati controllati a 3 mesi e 6 mesi fine protocollo e in tutti i casi non è stato necessario ripetere le applicazioni

Potrebbero interessarti anche...