Curare la disfunzione erettile: nuovi dati incoraggianti dal Giappone.

Visualizzazioni di questo articolo 2141

Arriva da Tokyo l’ultimo studio scientifico sulla terapia a onde d’urto per la disfunzione erettile per capire l’influenza dell’età e delle complicanze sull’efficacia della terapia. La disfunzione erettile si manifesta negli uomini a causa di diverse complicanze mediche, ma il primo fattore di rischio è sicuramente l’età e l’invecchiamento delle cellule che portano a sviluppare problemi di impotenza.

La disfunzione erettile è anche una problematica sintomatica di altre malattie o del proprio stile di vita, come diabete, droghe e alcool, fumo, sindrome metabolica. In base a questi fattori scatenanti si manifesta una disfunzione erettile più o meno grave e i ricercatori giapponesi hanno voluto capire se è possibile anche predire l’efficacia della nuova terapia a onde d’urto a bassa intensità usata per curare il problema con risultati a lungo termine. Infatti questa terapia è da qualche anno utilizzata per ricostituire i vasi sanguigni nel pene e quindi risolvere una disfunzione erettile di origine vascolare, senza alcun effetto collaterale.

LO STUDIO CLINICO

Lo studio è stato condotto dal dr. Shigeo Horie del dipartimento di Urologia dell’Università di Juntendo di Tokyo e pubblicato nel Settembre 2015 sul Giornale Internazionale di Urologia. L’equipe di medici ha esaminato 56 uomini con problemi di disfunzione erettile di livello medio e severo: in particolare 21 con problemi di ipertensione, 10 con diabete mellito di tipo 2, 5 con problemi ischemici al cuore e 13 con iperlipidemia. Utilizzando l’ED1000 della Medispec, che genera onde d’urto a bassa intensità, è stato applicato il protocollo standard con la somministrazione di 300 onde su ciascuno dei 5 punti scelti per il trattamento, 3 sulla lunghezza del pene e due sulle crura (ai lati della base), due volte a settimana per 9 settimane, senza trattamenti aggiuntivi.

I DATI POSITIVI

I dati rilevati hanno mostrato un grande miglioramento dell’erezione dopo appena un mese dalla fine del trattamento e questi risultati sono stati mantenuti dai pazienti per i 6 mesi successivi, senza l’insorgere di alcun effetto collaterale. I ricercatori hanno però riscontrato una percentuale di successo diversa in base al numero e al tipo di complicanze nei pazienti. Infatti per gli uomini senza alcuna problematica aggiuntiva il miglioramento è stato del 70%, mentre nei pazienti con ipertensione del 33%, per i pazienti diabetici 30%, per gli uomini con ischemia del 40% e con iperlipidemia di oltre il 38%. Risultati decisamente incoraggianti dati i pochi risultati ottenuti da questi pazienti con le terapie medicali generalmente utilizzate. Infatti per molti degli uomini con complicanze di questo genere è spesso impossibile seguire una terapia farmacologica per colpa degli effetti collaterali, mentre in particolare per i pazienti con diabete le possibilità di rispondere ai farmaci è nettamente inferiore e se accade è sempre nella dose più alta. Per questo la nuova terapia a onde d’urto è spesso consigliata anche in via preventiva per un azione mirata prima che il livello della problematica raggiunga quello più grave e meno trattabile.

Da questi risultati i medici hanno anche compreso che essere più giovani aumenta l’efficacia della terapia a onde d’urto in quanto il tessuto risponde meglio alle stimolazioni di vasodilatazione e angiogenesi dei corpi cavernosi.

LA TERAPIA A ONDE D’URTO

La terapia extracorporea con onde d’urto è stata introdotta sia in ortopedia che in cardiologia per il trattamento delle condizioni dei tessuti molli e dei danni ischemici alle arterie coronariche. Le onde d’urto provocano nel tessuto vascolare vasodilatazione e angiogenesi, cioè la formazione di nuovi vasi sanguigni. Questo effetto è stato rilevato anche applicando le onde d’urto ai pazienti con disfunzione erettile che hanno mostrato di riacquisire un’erezione sufficiente per la penetrazione.

Questa terapia è meno invasivo e sicuro rispetto ai normali trattamenti, come la chirurgia, ed è consigliata ai pazienti fortemente compromessi da altre malattie anche severe che non possono assumere i farmaci (Viagra, Levitra e Cialis).

La terapia a onde d’urto per la disfunzione erettile di origine vascolare è un nuovo passo in avanti sia per la medicina che per la tecnologia medicale, e tutto a favore dei pazienti di tutto il mondo.

 

Potrebbero interessarti anche...