Allergan presenta gli studi sui nuovi filler dall'effetto naturale

Visualizzazioni di questo articolo 3881

Per comprendere meglio come l’invecchiamento incida sulla caratterizzazione delle labbra è necessario conoscerne la particolare e unica anatomia. Le labbra sono sostenute dai denti (dalle ossa di mascella e mandibola) e sono costituite dal muscolo orbicolare, che è coperto da epidermide bianca e rossa. Altri elementi che caratterizzano la forma delle labbra sono gli angoli della bocca, il profilo vermiglio (il punto di incontro tra l’epidermide bianca e rossa...

Uno degli elementi distintivi del viso al centro di uno studio con acido ialuronico cross-linkato, con una tecnologia innovativa, con Lidocaina. Un risultato naturale è il desiderio di quanti decidono di sottoporsi a un trattamento di medicina e chirurgia estetica: è questa la tendenza confermata dai recenti congressi nel corso dei quali è emerso come sia sempre più alta l’attenzione nei confronti dei trattamenti di medicina estetica, in particolare di quelli meno invasivi, tra i quali vi sono anche le iniezioni di filler.

 

Naturalmente belle: le labbra protagoniste di una storia sempre unica.

La naturalezza del risultato è molto più di un perfezionismo tecnico, un virtuosismo che consente di mantenere la segretezza dell’intervento: significa ottenere qualcosa di coerente con la propria identità. Un esempio che vale per tutti è quello delle labbra: la loro pienezza e definizione sono elementi chiave dell’armonia del viso e inoltre, proprio come le impronte digitali, sono uniche, mai uguali tra una persona e l’altra; la bocca nella sua interezza e il sorriso che ne emerge raccontano la personalità di ciascuno.

E’ normale, dunque, che quando il sorriso non è, o non è più, in grado di rappresentare la propria identità per come la si percepisce si risenta della perdita di un elemento così caratterizzante. Sia che ciò sia dovuto alla forma della propria bocca, magari diversa da quella che si desidererebbe, sia che ciò sia legato alla metamorfosi a cui si va necessariamente incontro con l’invecchiamento cutaneo. Anche le labbra, infatti, risentono di quei processi degenerativi che modificano in modo rilevante l’aspetto della pelle nel corso del tempo, perdendo così gradualmente la loro forma unica.

 

RICONOSCERE I SEGNI: STRUTTURA E ANATOMIA DELLE LABBRA

Per comprendere meglio come l’invecchiamento incida sulla caratterizzazione delle labbra è necessario conoscerne la particolare e unica anatomia. Le labbra sono sostenute dai denti (dalle ossa di mascella e mandibola) e sono costituite dal muscolo orbicolare, che è coperto da epidermide bianca e rossa. Altri elementi che caratterizzano la forma delle labbra sono gli angoli della bocca, il profilo vermiglio (il punto di incontro tra l’epidermide bianca e rossa), l’arco di cupido (la particolare curva del labbro superiore), l’epidermide rossa e bianca che ricopre le labbra stesse e il prolabio, ovvero l’estensione dalla punta del naso al labbro superiore. Come ogni altro muscolo, anche quello orbicolare invecchia e perde tonicità, il che insieme alla perdita di supporto della dentizione della mascella superiore e alla riduzione di volume del corpo delle labbra, porta all’allungamento della parte bianca del labbro superiore e alla caduta verticale della parte rossa del labbro fino ad assumere una sembianza più sottile. Di conseguenza, con l’avanzare degli anni le labbra gradualmente si appiattiscono e appaiono svuotate, risultando  così meno pronunciate. Inoltre, i movimenti ripetitivi di espressione, gestiti dai muscoli attorno alla bocca, portano alla formazione di sottili linee verticali attorno alle labbra: l’arco di Cupido perde definizione, la forma e il carattere originale delle labbra appaiono modificati.

SOLUZIONI INNOVATIVE A BASE DI ACIDO IALURONICO CROSS-LINKATO CON LIDOCAINA

Oggi sono numerosi i trattamenti in grado di contrastare gli effetti del tempo, inclusi nuovi filler dermici a base di acido ialuronico cross-linkato con lidocaina, specificamente formulati per le labbra; in grado di offrire un risultato più naturale nell’aspetto e al tatto, questi filler si contraddistinguono per una maggior durata e una minore sensazione di fastidio nella parte trattata, con il vantaggio quindi di poter riprendere le normali attività più rapidamente.

L’acido ialuronico è derivato da uno zucchero naturalmente presente nel sangue e costituisce  l’ingrediente principale di molti filler dermici. Aiuta a mantenere il volume e l’elasticità della pelle anche con l’avanzare dell’età e consente di restituire forma, volume e idratazione alle labbra e di ridefinirne i contorni.

È stato recentemente condotto uno studio osservazionale su 62 soggetti trattati con acido ialuronico cross-linkato, attraverso una tecnologia innovativa, con lidocaina[1] realizzato allo scopo di:

-        raccogliere dati sul profilo di sicurezza ed efficacia di questo specifico trattamento utilizzato in medicina estetica per l’aumento di volume e/o la correzione delle asimmetrie delle labbra

-        valutarne la tollerabilità nei soggetti trattati e i tempi di ritorno alle attività quotidiane.

-                 

Ai 62 soggetti coinvolti nello studio sono stati sottoposti specifici questionari, al fine di valutare:

-                l’impatto estetico (immediatamente dopo il trattamento e durante la visita di controllo avvenuta nell’arco delle 4 settimane successive);

-                le caratteristiche dell’iniezione;

-                il tempo necessario per tornare alle loro attività quotidiane.

-                 

Ai medici, invece, è stato chiesto di valutare anche la tollerabilità attraverso i parametri di fastidio durante l’iniezione, presenza di bruciore o gonfiore. Infine, il profilo di sicurezza dell’acido ialuronico cross-linkato con Lidocaina è stato valutato attraverso il form per la segnalazione degli eventi avversi.

Soddisfatti del cambiamento

L’83,6% dei soggetti si è dichiarato alla prima visita “soddisfatto”, “molto” o “estremamente” soddisfatto dei risultati a seguito del trattamento. Tutti gli specialisti si sono dichiarati “molto” (72,6%) o “estremamente” (27,4%) soddisfatti dei risultati al primo trattamento.

Nel giudicare il risultato in termini di apparenza e sensazione delle labbra dopo il primo trattamento, il 61,7% dei soggetti ha affermato di avere una sensazione “molto” (46,7%) o “estremamente” (15%) naturale. Alla visita di follow-up, nessuno ha ritenuto che l’aspetto e la sensazione delle proprie labbra fosse non naturale.

Tutti i medici hanno giudicato l’aspetto delle labbra dei loro soggetti a seguito del trattamento con acido ialuronico cross-linkato con Lidocaina come “molto” (69,4%) o “estremamente” (30,6%) naturale.

Il 95,2% dei soggetti ha riferito che la somministrazione dell’acido ialuronico cross-linkato con Lidocaina ha causato “nessun fastidio” o “un leggero fastidio”.

Il 95% delle persone (57 su 60) ha riportato nelle labbra lievi ematomi o nessuno a seguito della prima iniezione. Un solo soggetto ha evidenziato alcuni ematomi, e la situazione si è risolta in 5-6 giorni.

Secondo la valutazione degli specialisti, il 91,9% dei soggetti ha riportato un lieve gonfiore – risolto nell’arco di 5-6 giorni - o nessuno dopo la prima iniezione. Nel 79,6% dei soggetti in cui non è stata fatta alcuna iniezione nel labbro superiore, il gonfiore si è risolto entro 1-2 giorni.

Dopo il trattamento con acido ialuronico cross-linkato con Lidocaina, il 62% dei soggetti ha potuto riprendere la propria vita sociale il giorno stesso, e in generale la totalità entro al massimo 4-5 giorni.

E’ stato chiesto ai soggetti di fare una valutazione comparativa del trattamento con l’acido ialuronico cross-linkato con Lidocaina rispetto ad altri a cui si erano sottoposti in precedenza: circa la metà (46,2%) lo ha valutato significativamente superiore nel migliorare le labbra, il 53,8% ha affermato di percepire un risultato più naturale alla vista e al tatto e il 50% ha affermato di aver provato meno fastidio.

In conclusione, l’acido ialuronico cross-linkato con Lidocaina come nuova opzione di trattamento per il miglioramento delle labbra è stato molto ben accolto sia dai soggetti coinvolti nello studio sia dagli specialisti, associato ad alti livelli di soddisfazione per i risultati ottenuti.



[1] Philipp-Dormston W.G., Hilton S., Nathan M.; A Prospective, Open-label, Multi-centre, Observational, Post-market Study of the use of 15mg/ml of hyaluronic acid, cross-linked via an innovative technology, with Lidocaine in the Lips; presentato come poster al 15th International Master Course on Aging Skin (IMCAS) 31 Gennaio – 3 Febbraio. Parigi, Francia.

Potrebbero interessarti anche...