Staminali cordonali: un patrimonio biologico

Visualizzazioni di questo articolo 10098

Alcuni importanti parametri sono: numero di trapianti effettuati, certificazione GMP (Good Manufacturing Practice), servizio di raccolta attivo 365 giorni l’anno, contratto di diritto italiano, presenza di un comitato scientifico e avvio di studi clinici, sono tutti parametri di primaria importanza da verificare nella scelta di una biobanca. Infine, sebbene in Italia vi sia un grande

Intervista al Prof. Paolo Fiorina, MD PhD, direttore Scientifico di Sorgente, Assistant Professor presso la Harvard Medical School di Boston, U.S e Dirigente Medico Ospedale San Raffaele di Milano.

Che cosa sono le cellule staminali e dove si trovano? “Le cellule staminali sono cellule indifferenziate, capaci di autorinnovarsi e, virtualmente, di originare tutti gli organi di un individuo adulto. Complessivamente, le staminali possono essere suddivise in tre gruppi: staminali embrionali, staminali del cordone ombelicale e staminali adulte.”

Cosa distingue le cellule staminali del cordone ombelicale dalle altre fonti di staminali? “Rispetto alle embrionali, le staminali cordonali non implicano alcun problema di tipo etico. In aggiunta, sono estremamente immature e, rispetto alle staminali adulte, esibiscono maggiori capacità proliferative e differenziative.

Le staminali cordonali mostrano anche importanti capacità immunologiche essendo in grado sia di immunomodulare la risposta immunitaria sia di esercitare una forte attività antiinfiammatoria.”

Qual è l'applicazione clinica delle cellule staminali del cordone ombelicale? “Ad oggi sono in corso oltre duecento studi clinici sull'utilizzo di staminali cordonali in un'ampia varietà di patologie, ad esempio complicanze cardiovascolari, neurologiche ed oncoematologiche. Promettenti sono i risultati di studi clinici condotti su pazienti affetti da diabete di tipo I con l’infusione autologa di staminali cordonali.

Di notevole interesse sono anche i risultati preliminari di uno studio clinico attualmente in corso presso il Duke University Medical Center (U.S.) in cui la somministrazione autologa di staminali cordonali in bambini affetti da malattie neurologiche, fra le quali paralisi cerebrale, si è rivelata sicura e non associata a comparsa di reazioni avverse.”

Di estrema attualità è la conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. Che cosa ci vuol dire in proposito? “In Italia la normativa consente solamente la donazione solidaristica. Il servizio pubblico, tuttavia, ha dei limiti come ad esempio la scarsità di centri raccolta, la non garanzia di raccolta in particolari fasce orarie (di notte) o in determinati giorni (festivi), la disponibilità limitata nel numero di campioni gestiti per questioni di budget di spesa. In alternativa alla donazione sul territorio nazionale la legge consente di conservare le staminali cordonali dei bambini neonati anche presso strutture private situate all'estero.

In questo caso, il campione rimane a disposizione della famiglia. Con la conservazione privata, in caso di necessità il paziente avrà sempre a disposizione le proprie cellule staminali. Esistono numerose banche private per la conservazione del sangue cordonale. Dal momento che però la sua raccolta è un evento unico nella vita, è importante che una famiglia si accerti della qualità offerta dalla biobanca.

Alcuni importanti parametri sono: numero di trapianti effettuati, certificazione GMP (Good Manufacturing Practice), servizio di raccolta attivo 365 giorni l’anno, contratto di diritto italiano, presenza di un comitato scientifico e avvio di studi clinici, sono tutti parametri di primaria importanza da verificare nella scelta di una biobanca. Infine, sebbene in Italia vi sia un grande dibattito tra conservazione pubblica e conservazione privata, il dato preoccupante è che ogni anno nascono 500.000 bambini circa ed oltre il 95% dei cordoni viene gettato.

È necessario quindi discutere su come minimizzare questo enorme spreco piuttosto che dibattere sulle diverse modalità di conservazione.

Potrebbero interessarti anche...