Laser endovena a bassa potenza, una tecnologia innovativa per il trattamento di alcune patologie cardiovascolari

Visualizzazioni di questo articolo 15607

È interessante notare che qui si aprono nuove vie nel trattamento delle malattie comuni. In particolare per malattie respiratorie ,diabete mellito, malattie del fegato, malattie cardiovascolari e malattie autoimmuni.

Il Dr. Francesco Raggi rappresentante italiano E.M.L.A. ( European Medical Laser Association), docente Laser Terapia Biologica Endovena, primo ad aver effettuato ricerche a livello mondiale su Laser Endovena e sport; vincitore del premio miglior giovane ricercatore al “Laser Helsinki International Congress 2008”con la presentazione "Laser Endovena a Bassa Potenza nella Medicina dello Sport" relatore a numerosi congressi internazionali di Laser Terapia e di Nuove Tecnologie Elettro-Medicali.

Sono desideroso di presentarvi il laser endovena a bassa potenza, una tecnologia innovativa per il trattamento di alcune patologie cardiovascolari, per le migliorate proprietà reologiche del sangue così come della microcircolazione e per ridurre l’area d’infarto del miocardio. Sarei interessato a promuovere questa nuova metodica presso la vostra associazione visti i risultati davvero interessanti nel campo delle patologie cardio-circolatorie.La Laser Terapia Endovena, agendo direttamente sul sangue, sembra produrre effetti generalizzati sulla maggior parte degli organi rendendo così tale terapia potenzialmente utile nel trattamento di varie malattie.

A seguito degli effetti sulle problematiche vascolari, la laserterapia biologica endovena a bassa potenza viene usata in Russia, in Germania ed in Finlandia presso Istituti,e Cliniche in sede pre-operatoria per evitare complicazioni tromboemboliche e per migliorare le fasi post operatorie. Una scoperta fondamentale è stata l'influenza positiva sulla reologia del sangue che è di massimo interesse per la chirurgia, l' angiologia e la cardiologia. Una tendenza alla riduzione dell'aggregabilità piastrinica e una migliore plasticità degli eritrociti producono una migliore ossigenazione tissutale, che è particolarmente rilevante per la guarigione delle ferite.

È interessante notare che qui si aprono nuove vie nel trattamento delle malattie comuni. In particolare per malattie respiratorie ,diabete mellito, malattie del fegato, malattie cardiovascolari e malattie autoimmuni.

Per far comprendere in maniera semplice il meccanismo d’azione di tale tecnologia si può ricorrere ad un paragone: quello tra emoglobina (eme+globina) e clorofilla (eme). Entrambe le molecole hanno un gruppo eme, identico nella struttura chimica, con l’unica differenza di avere al centro della molecola un atomo diverso, di ferro per l’emoglobina e di magnesio per la clorofilla. Oltre ad avere una struttura chimica simile, hanno anche altre caratteristiche in comune come la capacità di essere sensibili alla luce. Questa proprietà è detta fotosensibilità.

Sappiamo tutti che la clorofilla assorbe la luce (più precisamente alcune lunghezze d’onda dello spettro luminoso) e questo fenomeno è alla base della fotosintesi, mentre pochi sanno che; anche l’emoglobina, quando esposta a precise lunghezze d’onda, viene attivata e si producono particolari effetti, tra i quali un miglioramento del trasporto di ossigeno. Questo effetto può essere sfruttato, ad esempio, per le malattie polmonari e nei deficit della circolazione. La lista delle sostanze fotosensibili è lunghissima.. La tecnica di utilizzo è simile a quella utilizzata per un banale prelievo di sangue venoso o per un'iniezione endovenosa di farmaci: si realizza un accesso venoso mediante un’apposita agocannula, che viene inserita in una vena periferica ( es. braccio); successivamente, una speciale fibra ottica monouso sterile e biocompatibile, viene inserita nell’agocannula, fino a raggiungere il flusso sanguigno. A questo punto, la fibra ottica potrà essere collegata ad uno dei diodi laser disponibili, ciascuno della propria lunghezza d’onda, con diversi effetti biologici corrispondenti.

Campi clinici di applicazione:

•Malattie cardio-vascolari:

- Cardiopatia ischemica - Ipertensione arteriosa •Malattie cerebro-vascolari: - Ictus - Ischemia cerebrale cronica

•Malattie polmonari:

- Asma - Bronchite cronica – Enfisema •Malattie autoimmunitarie: - Artrite reumatoide

•Malattie gastrointestinali: - Pancreatite cronica – Ulcera peptica •Malattie endocrine: - Diabete mellito

•Malattie su base allergica

•Malattie infettive

Dr. Raggi Francesco

Documentazione Scientifica

1. Anesteziol Reanimatol. 1995 Jan-Feb;(1):42-3. Intravenous laser irradiation of blood and oxygen transport function. Kozhekin VV, Reshel'ko OA, Tkachev AM, Zhuk SA. 2. Journal of Photochemistry and Photobiology B: Biology 82 (2006) 152–160. The electric field induced by light can explain cellular responses to electromagnetic energy: A hypothesis of mechanism. Albert Amat, Josepa Rigau, Ronald W. Waynant b, Ilko K. Ilev, Juanita J. Anders 3. Arch Biochem Biophys 77: 493-509 (1958). Studies on pig liver microsomes. Enzymic and pigment composition of different microsomal fraction. Garfinkel D 4. Expert Rev Neurother. 2007 Aug;7(8):961-5. Laser treatment for stroke. Lampl Y. 5. Vopr Kurortol Fizioter Lech Fiz Kult. 2007 May-Jun;(3):22-6. Correction of free-radical processes in patients with chronic brain ischemia with intravenous laser irradiation of blood. Karneev AN, Solov'eva EIu, Fedin AI. 6. Aviakosm Ekolog Med. 1996;30(3):57-8. Laser therapy in the treatment of patients with ischemic heart disease in a therapeutic department. Kondrakov VM, Chuntul VV, Derkach AV, Bobyrev IuA, Khmelevskaia TB. 7. Ter Arkh. 2001;73(10):70-3. Changes in blood rheological properties in patients with hypetension. Shabanov VA, Terekhina EV, Kostrov VA. 8. Probl Tuberk Bolezn Legk. 2007;(8):50-3. Efficiency of a combination of haloaerosols and helium-neon laser in the multimodality treatment of patients with bronchial asthma. Faradzheva NA. 9. Klin Med (Mosk). 2006;84(3):37-9. The effects of intravenous laser irradiation of blood on the system hemodynamics of patients with chronic obstructive bronchitis exacerbation. Burduli NM, Aksenova IZ. 10. Klin Med (Mosk). 2004;82(5):39-41. Intravenous blood laser irradiation in patients with chronic nonspecific lung diseases and bronchial epithelial dysplasia. Cheremisina OV, Pankova OV. 11. Pathophysiology. 2001 Aug;8(1):35-40. Laser irradiation as a potential pathogenetic method for immunocorrection in rheumatoid arthritis. Timofeyev VT, Poryadin GV, Goloviznin MV. 12. Klin Med (Mosk). 2000;78(12):43-6. Therapy of patients with chronic pancreatitis of alcoholic etiology by dalagrin and laser therapy of the blood. Bulychev VF, Vakhrushev IaM. 13. Ter Arkh. 2003;75(9):86-9. Therapeutic efficiency of a combined use of low-intensity laser radiation and actovegin in gastroduodenal ulcers with inhibited cicatrix formation. Vakhrushev IaM, Shkatova EIu. 14. Voen Med Zh. 1998 Oct;319(10):37-8, 95. The effect of the laser irradiation of the blood on its lipid and phospholipid components in diabetes mellitus. Lebed'kov EV, Tolstykh PI, Marchenko LF, Turkina TI, Krivikhin VT. 15. Stomatologiia (Mosk). 1994 Apr-Jun;73(2):36-8. The use of intravenous laser irradiation of the blood for the prevention and treatment of suppurative infectious complications in mandibular fractures. Lepilin AV, Rubin VI, Myshkina AK, Lintvareva LB. 16. Georgian Med News. 2006 Mar;(132):44-7. Changes of immunological and cytogenetic indexes in lymphocytes of patients with bacterial endocarditis under the influence of laser therapy and a hyperbaric oxygen therapy. Kantariia IT, Megreladze II, Lapiashvili NN, Kanashvili MB. 17. Stomatologiia (Mosk). 1998;77(2):32-4. The combined treatment of patients with progressive phlegmons of the maxillofacial area. Shargorodskiĭ AG, Zabelin AS, Fedorova GG, Baranovskiĭ VA.

Potrebbero interessarti anche...