Chirurgia Plastica, nasce la soluzione microinvasiva (si chiama Mivel)

Chirurgia Plastica, nasce la soluzione microinvasiva (si chiama Mivel)

Studi scientifici hanno dimostrato che i segni di invecchiamento di una persona, maschio o femmina, sono percepiti dai cambiamenti che avvengono principalmente negli occhi. Quindi tecniche mirate al ringiovanimento di tutta questa area in maniera uniforme hanno impatto su tutto il viso». Insomma, quello che il Mivel propone è un approccio innovativo: non è solo una nuova tecnica di ringiovanimento, ma una nuova filosofia. Non a caso è già stato ribattezzato "il lifting del futuro".

Arriva in Italia il lifting delle star di Hollywood per ringiovanire in una seduta senza chirurgia

Arriva in Italia il lifting delle star di Hollywood per ringiovanire in una seduta senza chirurgia

Si chiama Ultherapy ed è l’unico protocollo per lifting non chirurgico approvato dalla Fda, il severo organo di controllo americano. In una sola seduta riattiva la produzione di collagene grazie agli ultrasuoni: «Agisce in profondità nella pelle, dove prima arrivava solo il bisturi: i risultati sono naturali e visibili in un paio di settimane. Già mezzo milione i pazienti trattati nel mondo»

Bellezza, solo il 13,5% dei Chirurghi Plastici è donna

Bellezza, solo il 13,5% dei Chirurghi Plastici è donna

Bellezza, solo il 13,5% dei chirurghi plastici è donna. «Eppure sappiamo capire e interpretare meglio le esigenze delle pazienti». Al congresso dell’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe)  è stata dedicata una sessione alle (poche) donne chirurgo plastico in Italia. «È una professione che richiede rinunce, soprattutto nella vita privata»

Chirurgia Plastica: cresce la richiesta per i trattamenti del Lato B

Chirurgia Plastica: cresce la richiesta per i trattamenti del Lato B

Dati alla mano, il 2014 è stato l’anno del lato B. Durante l’anno passato, infatti, negli USA sono stati  eseguiti circa 11.500 lipofilling ai glutei, per aumentarne il volume (+ 15% rispetto al 2013). Da vero boom, invece, la percentuale registrata dall’impianto di protesi, che ha messo a segno addirittura un + 98%, con circa 1.900 interventi.